Servizi

Fototeca


La fototeca conserva oltre 100.000 fototipi. Il patrimonio iconografico documenta i più importanti avvenimenti storici in Ravenna e provincia: Prima e Seconda guerra mondiale, fascismo e guerra di liberazione ma anche le trasformazioni economiche, infrastrutturali, sociali, culturali e politiche del territorio provinciale. Le prime acquisizioni di fondi fotografici risalgono agli anni Sessanta e Settanta e da allora l'Archivio fotografico dell'Istituto storico ha implementato il proprio patrimonio attraverso donazioni da parte di associazioni, privati, movimenti politici e intercettando fondi fotografici particolarmente significativi per la storia del Novecento in provincia di Ravenna. L'Istituto ha svolto molte iniziative di ricerca e valorizzazione su fondi fotografici particolarmente importanti per la storia del Novecento sul territorio provinciale (non esclusivamente di proprietà dell'Istituto), realizzate anche per conto di Enti locali e accompagnate da mostre e pubblicazioni.

Nel corso del 2016 l’Istituto storico ha acquisito l’archivio della fotografa lughese Marina Guerra, composto da oltre 80.000 immagini che documentano il lavoro di ricerca svolto dalla fotografa per circa quarant’anni, a partire dagli anni Sessanta, prevalentemente sul territorio della Bassa Romagna.
La fototeca ha aderito al progetto di valorizzazione della documentazione fotografica degli Istituti Storici promosso e coordinato dall'Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia di Milano, i fondi fotografici sono descritti nel database “Foto”.

Presso la fototeca sono depositati alcuni fondi fotografici di proprietà del Museo della Battaglia del Senio di Alfonsine, tra i quali si segnalano: il fondo Imperial War Museum, il fondo Neozelandese e il fondo Canadese, per un totale di circa 3500 immagini.

Orari di apertura (su appuntamento): dal lunedì al venerdì 9.00-12.30; martedì e giovedì 14.00-17.00

tel. 0544 84302

email: istorico@racine.ra.it


Responsabile del servizio: dott.ssa Serena Sandri